La ASL avvia indagine interna sul medico accusato di atti sessuali: “siamo sconcertati”

165

In riferimento all’indagine che riguarda un medico del Presidio Ospedaliero di Manfredonia, la Direzione Generale della ASL Foggia dichiara il proprio sconcerto di fronte alla notizia, appresa dagli organi di stampa.

Solo oggi – commenta il Direttore Generale Vito Piazzolla – siamo venuti a conoscenza della vicenda che ci lascia sconvolti. Se alla fine del percorso giudiziario le accuse addebitate dovessero essere confermate si tratterebbe di comportamenti gravissimi e deplorevoli, che nessuna società civile può tollerare”.

La Direzione Generale ha già incaricato la Direzione Sanitaria Aziendale di avviare tempestivamente una indagine interna per accertare i fatti e attivare la Commissione Disciplina.

Il Direttore Generale, pertanto, nell’esprimere la consueta massima fiducia nell’operato delle forze dell’ordine e della magistratura, annuncia che sarà dato corso, con assoluta fermezza, a tutti gli adempimenti amministrativi e ai provvedimenti previsti, ove ne ricorressero i presupposti di legge.

Questo, anche a tutela dell’immagine dell’Azienda, gravemente lesa, e di tutti i dipendenti che vi operano con serietà e diligenza, nel rispetto della persona e del diritto alla salute.