Cgil Puglia chiede risposte concrete contro la criminalità

117

“Il livello di aggressione della mafia al vivere civile e alla libera impresa nella città di Foggia reclama ora più che mai una risposta straordinaria e coordinata dello Stato, in termini di intelligence, di potenziamento degli organici di forze dell’ordine e tribunale, di efficientamento della pubblica amministrazione, di un agire amministrativo e politico improntato alla assoluta trasparenza. Siamo vicini a chi agisce in prima linea e alle vittime, ma la fase della denuncia non basta più. Servono ora e subito risposte concrete, a partire dall’istituzione a Foggia di sezioni della Dia e della Dda”.
È quanto affermano il segretario generale della Cgil Puglia, Pino Gesmundo, commentando i recenti fatti di cronaca che hanno visto ancora una volta protagonista la Capitanata e in particolare la città capoluogo di provincia.

“Foggia non è purtroppo un casi isolato. La presenza di criminalità organizzata, la sua pervasività, in tutta la regione, la capacità di agire nell’economia legale investendo capitali di illecita provenienza a discapito delle imprese in regola, inquinando il mercato, abbassando la qualità dei servizi e dei contratti, è storia scritta nelle relazioni antimafia semestrali. Intercetta una quota di ricchezza che è pari quasi al 20 per cento del Pil regionale.

Soldi sottratti alla ricchezza e alla crescita generale. C’è una mafia militare che fa notizia e una imprenditrice che richiede indagini patrimoniali e azioni mirate. Senza togliere dalle spalle di ogni pugliese questa tara insostenibile sarà difficile parlare di vero e sano sviluppo per i nostri territori, perché la Legalità ne è condizione essenziale”.