Bomba contro centro anziani a Foggia, Libera: nessun passo indietro

99

“Davanti all’ennesimo atto dinamitardo  nessun passo indietro. Andremo avanti ancora con più forza per  disinnescare la miccia della paura e della rassegnazione. Esprimiamo tutta la nostra solidale vicinanza  agli imprenditori vittime dell’ attentato.

Non possiamo e non dobbiamo lasciare soli quei commercianti ed imprenditori che decidono di rompere il muro del silenzio.

Proseguiamo sulla strada tracciata la sera del 10 gennaio, una mobilitazione a cui hanno partecipato in tanti, nata dal bisogno di affermare un’urgenza: quella di ricostruire insieme le fondamenta del nostro modo di essere cittadini e di abitare le città. Di dire basta alla rassegnazione, al silenzio complice, al vano parlare. Ridiventando insomma comunità, una comunità chiamata Italia.

Alla luce dell’ultima bomba gridiamo forte : non sono ammesse diserzioni ma bisogna esserci, essere presenti per riappropriarci dei nostri spazi e dei nostri territori, mostrare fisicamente da quale parte si sta.”