San Paolo di Civitate: per evitare il controllo cercano di confondersi nella movida, i carabinieri li fermano per un normale controllo e scoprono un pusher con il complice.

147

I militari della Compagnia Carabinieri di San Severo, nell’ambito del potenziamento dei servizi preventivi e repressivi predisposti su tutta la Provincia di Foggia, hanno effettuato una serie di coordinati e mirati controlli, anche nel comparto della circolazione stradale, provvedendo a sanzionare le più comuni violazioni al codice della strada ed i comportamenti irregolari degli automobilisti più indisciplinati.

Proprio durante uno di questi  servizi, i militari della Stazione CC di San Paolo di Civitate, in quel Comune,  hanno proceduto al controllo di due soggetti del luogo, noti alle FF.PP., fermi di fronte ad un rinomato locale pubblico della zona, i quali, alla vista dei militari, hanno cercato di far perdere le proprie tracce confondendosi, in modo sospetto, tra i giovani avventoridell’esercizio pubblico. Nel corso delle verifiche sul posto, l’atteggiamento assunto dai due è risultato sospetto ai militari che, proprio per questo motivo, hanno deciso di procedere ad una verificaapprofondita. Localizzati, i due giovanisono stati sottoposti ad una perquisizione personale, durante la quale, nell’immediatezza, sono state rinvenute, occultateaddosso ad uno di essi (C.L.), n. 2 dosi di sostanza stupefacentedel tipo hashish.

Notato l’evidente nervosismo dell’altro soggetto presente, (D.F.G)., il personale operante ha proceduto all’ulteriore controllo ed ha rinvenuto, anche in questo caso, occultato negli indumenti intimi indossati dal prevenuto, una bustina in cellophane contenente n. 8 dosi di stupefacente del tipo hashish, per un peso di gr. 13 circa, e la somma di euro 50 suddivisa in banconote di piccolo taglio.

Atteso l’immediato riscontro, è stata effettuata la perquisizione anche all’autovettura in uso a (C.L.) e, successivamente, le operazioni sono state estese anche presso le abitazioni di entrambi i giovani. Le verifiche, anche in questo caso, hanno fornito riscontro positivo all’intuizione dei militari, poiché nell’abitazione di (D.F.G) è stato rinvenuto ulteriore materiale, connesso allo spaccio, utile al taglio ed alconfezionamento in dosi dello stupefacente. Sempre nel medesimo contesto,è stata sequestrata la somma di  550 € circa in banconote di piccolo taglio, verosimilmente provento dell’attività di spaccio della droga posta in essere dai giovani pusher. Concluse le operazioni, su disposizione della Procura della Repubblica di Foggia, uno dei due rei è stato tratto in arresto e sottoposto alla misura degli arresti domiciliari per il reato di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti; il secondo è stato deferito in stato di libertà.  

Tutto lo stupefacente,il materiale ed i soldi recuperati sono stati sottoposti a sequestro.