Controlli durante la “movida”: la Polizia intensifica i controlli ai circoli privati

105

Continua senza sosta, l’attività di prevenzione e di controllo del territorio nelle sere del fine settimana nella zona della c.d. “Movida” e nei pressi della Città del Cinema, luoghi maggiormente frequentati, soprattutto dai giovani.

Nella giornata di  sabato scorso  ha operato un  dispositivo interforze composto da  Agenti della Polizia di Stato della Questura di Foggia, del Reparto Prevenzione Crimine, oltre a Militari della Guardia di Finanza e dell’Arma dei Carabinieri e  personale della Polizia locale.

Le attività di controllo sono state svolte sia con servizi appiedati che automontati, anche con personale in abiti civili ed hanno interessato tutta la zona del centro storico. Particolare attenzione è stata rivolta alle c.d. “cicchetterie”, per verificare eventuali trasgressioni alle norme sulla vendita di alcool ai minorenni.

Il personale della Polizia Locale ha  controllato due di questi esercizi commerciali, uno sito in Via Arpi e l’altro sito in Via Bruno e nel contempo hanno elevato tredici contravvenzioni per violazioni al Codice della Strada, per autoveicoli parcheggiati in sosta vietata, di cui uno parcheggiato sulle strisce pedonali ed un altro su zona utilizzata da veicoli per persone invalide.

Alla fine delle attività sono state identificate numerose persone e sono stati controllati diversi veicoli.

Nel corso della stessa giornata sono stati effettuati controlli amministrativi presso un circolo privato sito in Via Nicola Parisi, ove venivano identificati alcuni avventori risultati dal controllo ai terminali con precedenti di polizia.

Altro controllo è stato effettuato ad un  circolo sito in via San Severo, ove sono stati identificati due avventori di cui uno è risultato con precedenti di polizia.

Nei giorni precedenti, un altro circolo sito in via San Severo è stato oggetto di controllo da parte degli Agenti della Polizia di Stato; all’interno oltre alle verifiche di carattere amministrativo sono stati controllati diversi avventori, di cui uno risultava con precedenti di polizia, inoltre, delle persone presenti una, non risultava registrata sul libro dei soci.