Foggia-Vieste: servizi “ alto impatto”della polizia stradale

115

Nel mese di Febbraio la Polizia Stradale ha  incrementato la vigilanza sulle strade al fine di rendere più efficace l’attività di prevenzione e contrasto dei comportamenti di guida più pericolosi, garantendo la fluidità della circolazione in condizioni di massima sicurezza, cercando di dare nuovo impulso al contenimento del fenomeno infortunistico.

Particolare attenzione è stata dedicata all’azione di prevenzione e controllo alla verifica delle condizioni psico-fisiche dei conducenti ed attivazione di servizi mirati al controllo per il contrasto della guida sotto l’influenza di sostanze stupefacenti o psicotrope.

Personale della  Sottosezione di Vieste  e della Sezione Polizia Stradale di Foggia  ha effettuato una vasta attività avente lo scopo di   prevenire e/o  reprimere quei comportamenti di guida costituenti potenziale  pericolo per gli utenti delle strade. I servizi,  denominati   di “alto impatto” ,  sono stati effettuati  in agro di  Manfredonia,  Vieste,   e nelle tratte stradali che collegano i menzionati Comuni.

Nel corso dei   menzionati servizi , effettuati anche in ore serali e notturne,  sono stati controllati   990  veicoli e  1095 persone.  In totale sono state riscontrate ed elevate 390 contestazioni contravvenzionali  per scorretto comportamento alla guida e sottratti , per le scorrettezze riscontrate, un totale di 830 punti, alle  patenti.

A seguito  di controlli amministrativi effettuati ad esercizi commerciali quali autofficine, rivendita pneumatici  ed autocarrozzerie, riscontrati illeciti puntualmente e pesantemente sanzionati.

Denunciate  all’A.G. 6 persone per guida sotto  effetto di sostanze alcoliche e ritirate 10 patenti per guida in stato di ebbrezza, appiedando i relativi conducenti.

Sequestrati, inoltre, 15 veicoli per mancanza di Copertura Assicurativa

Sanzionati, ai sensi dell’art. 173 C.d.S.,  40 utenti per aver utilizzato   apparecchi radiotelefonici mentre erano alla guida e ritirate 8 patenti ritirate per superamento della velocità max consentita, grazie all’utilizzo  del    Telelaser Trucam.   Trattasi   di  un’evoluzione  del  vecchio dispositivo  che, oltre   a   svolgere  la  funzione  base  di   percepire la velocità, ha una  telecamera  incorporata grazie alla  quale registra  tutto ciò che vede.

L’autovelox  2.0, utilizzabile  anche  di  notte  grazie ad un flash a infrarossi,  ha una gittata di 1,2    km e non si limita a registrare la velocità del veicolo, bensì  registra  se l’automobilista ha o meno   la cintura e se quest’ultimo, mentre guida,  utilizza un dispositivo cellulare.