Coronavirus: le aziende di Confagricoltura portano la spesa a domicilio e aiutano chi ha necessità

72

Con le restrizioni determinate dall’emergenza Coronavirus, molte imprese agricole si sono organizzate per la consegna a domicilio di prodotti di stagione e non solo: frutta e verdura, vino, birra alimentare, olio, latte, formaggi, latticini, yogurt, carne, salumi, uova, ma anche piantine in vaso, semi e cibo per animali. Lo sottolinea Confagricoltura che, sul territorio, sta supportando le iniziative delle aziende associate.

In Lombardia, la regione più colpita dal Coronavirus, oltre 250 imprese di Confagricoltura hanno aderito all’iniziativa “Negozi a casa tua” con la consegna della spesa direttamente a domicilio (sul sito http://lombardia.confagricoltura.it/ita/ le aziende aderenti, divise per province). E’ stata attivata anche la distribuzione di piatti pronti di cucina tipica dagli agriturismi.

In Piemonte segnaliamo a Torino “Arrivano i nostri”, ovvero i prodotti freschi, senza intermediari, sulle tavole (https://www.confagricolturatorino.it/).

“Sapori di Liguria a casa tua” è la campagna di Confagricoltura regionale che promuove, attraverso sito, social e newsletter le aziende associate che fanno consegna porta a porta.

In Veneto, Confagricoltura Verona ha lanciato “Fai la spesa con un WhatsApp” per ricevere, a domicilio, formaggi e prodotti biologici. Padova supporta le aziende che vendono on-line, mentre Rovigo fornisce a riso agli indigenti. Belluno e Treviso consegnano a domicilio, oltre ai prodotti agricoli, anche piatti pronti cucinati dai cuochi degli agriturismi.

In Trentino, Confagricoltura propone, oltre alle consegne a domicilio, l’iniziativa #rimaniamoingiardinoconifiorideltrentino.

A Ravenna Confagricoltura ha previsto #restiamoacasaemangiamobene con le numerose aziende associate che fanno consegne a domicilio.

Iniziative analoghe anche in Toscana (i giovani dell’Anga hanno organizzato su Facebook “Maremma a domicilio”, devolvendo il 10% degli incassi alla CRI) e in Umbria, dove oltre alla campagna sui social #restaacasa pensiamo noi a far arrivare il cibo alla tua tavola, gli agricoltori sono al lavoro anche per sanificare le strade dell’Alto Tevere. A L’Aquila, per rispettare la tradizione abruzzese dell’agnello a Pasqua, Confagricoltura lo porta direttamente a casa chiamando il numero 3687199712.

Numerosi gli imprenditori del Lazio che si sono organizzati per consegnare prodotti agricoli a Roma. Confagricoltura Frosinone sta censendo e valorizzando le aziende agricole che consegnano a domicilio.

Confagricoltura Napoli sta riorganizzando l’offerta dei produttori associati che prima effettuavano vendita diretta, così come Salerno ha lanciato “La spesa a casa tua”, a base di ortaggi di stagione, mozzarella di bufala, miele, formaggi di pecora e capra, miele, limoni e marmellate.

Sul fronte della solidarietà, in Sicilia, a Ragusa, è in partenza #rialziamociinsieme. Gli imprenditori agricoli associati, con l’OP Abiomed, in collaborazione con i servizi sociali, la Croce Rossa Italiana, la Protezione Civile e i 12 i sindaci dei comuni Iblei, consegnano settimanalmente frutta e verdura agli indigenti perché “bisogna essere comunità e remare tutti compatti nella stessa direzione”.

In Piemonte, i risicoltori associati a Novara hanno donato 6.000 porzioni di riso all’ospedale da campo di Bergamo, mentre in Sardegna Attraverso Agrinsieme, è in partenza un’apposita piattaforma per fornire prodotti agricoli ai bisognosi attraverso la Croce Rossa Italiana.  Confagricoltura Parma promuove la raccolta fondi “Sosteniamo insieme” per le strutture ospedaliere di Parma, Fidenza-Vaio e Borgotaro, impegnate nell’emergenza Coronavirus.

In Abruzzo e a Foggia è stata attivata l’Onlus di Confagricoltura “Senior- l’età della Saggezza” per raccogliere fondi, rispettivamente per gli Ospedali di L’Aquila, Sulmona e Avezzano e per gli Ospedali Riuniti di Foggia. E molte altre sono le iniziative di solidarietà avviate in tutte le regioni da imprenditori associati o attraverso la Onlus, come nelle Marche. A Cosenza, per esempio, gli agricoltori stanno raccogliendo fondi per donare un respiratore all’Ospedale civile dell’Annunziata e mascherine e camici all’Avis e al centro trasfusionale.

Le aziende agricole e agroalimentari in questo periodo di emergenza e di quarantena si confermano fondamentali. I consumatori – conclude Confagricoltura – hanno capito che dietro ogni cibo acquistato c’è il lavoro di un agricoltore, che non si è fermato e sta continuando, nonostante le difficoltà, ad assolvere il proprio compito di attività indispensabile. E lo fa – come recita la campagna social di Confagricoltura – “orgoglioso di garantire cibo. Il più buono. Quello italiano”.