San Severo: autotrasportatore sorpreso con beni alimentari scaduti

62

In data 28 Aprile 2020 Agenti della Polizia di Stato del Distaccamento Polizia Stradale di San Severo, impegnati in attività di monitoraggio  per il transito veicoli per emergenza Covid-19, verso le ore 15,00 circa in agro di Lucera, controllavano un’ autovettura Hunday  avente targa  bulgara condotta da un uomo italiano, proveniente dalla provincia di Bari. Al momento del controllo gli operanti rinvenivano, all’interno del vano bagagliaio, un ingente quantitativo di carne bianca fresca consistente in conigli, pollame e tacchini oltre a confezioni di ali di pollo, cosce di pollo, cotolette,  ed altro materiale per un peso complessivo di circa 240 Kg. In maniera ben occultata, nella parte sottostante il cruscotto lato passeggero, vi erano due grossi tacchini interi che si presentavano in cattivo stato di conservazione. Detta merce era destinata ad un discount del Molise.

Il conducente giustificava il trasferimento della suddetta merce con l’autovettura in questione perché, a suo dire, il furgone adibito al suddetto trasporto munito di frigo a temperatura, era in avaria ed aveva costretto il trasbordo della merce a bordo del suddetto mezzo nonostante non fosse idoneo a tale trasporto. 

Gli agenti operanti  chiedevano l’intervento del medico dell’Ufficio prevenzione ASL,  il quale, dopo una accurata ispezione del veicolo, disponeva la distruzione della merce per le pessime condizioni igieniche di conservazione e perché il veicolo non aveva le caratteristiche isotermiche previste per legge. A carico del conducente venivano elevate diverse contestazioni, sia per violazioni al Codice della Strada che per violazioni alle leggi sanitarie per il trasporto di merci.

Il veicolo veniva infine sottoposto a sequestro e fermo amministrativo.