Fase 2 Covid-19: la popolazione senza fissa dimora ha bisogno di protezione

64

Di seguito il comunicato dei Medici per i Diritti umani:

Roma, 11 maggio 2020 –  In Italia si stima vi siano tra le 49.000 e le 52.000 persone senza fissa dimora. Esse sono particolarmente esposte alla pandemia Covid-19: vivono sulla strada o in alloggi precari e sovraffollati dove le misure di distanziamento sociale sono impossibili; presentano spesso più patologie croniche concomitanti; hanno difficoltà di accesso ai servizi sanitari; spesso non hanno accesso regolare ai servizi igienici più essenziali.

Tra la popolazione homeless vi sono poi gruppi che, per differenti ragioni, possono essere considerati “vulnerabili tra i vulnerabili”: le persone con età superiore ai 50 anni e/o con patologie croniche, le persone con disagio psichico, i migranti e i rifugiati. In una prospettiva sociale e, prima ancora, di sanità pubblica, la protezione dall’epidemia delle persone più vulnerabili dovrebbe essere tra le massime priorità del governo.

Nonostante ciò, l’Italia accusa un preoccupante ritardo nel proteggere le persone senza dimora dagli effetti potenzialmente devastanti causati da Covid-19 anche nella cosiddetta Fase 2.

Manca una strategia nazionale coordinata; l’approccio delle regioni è insufficiente e fortemente disomogeneo e, nella gran parte dei casi, si affida all’iniziativa di associazioni e organizzazioni del privato sociale più che a strategie globali dei sistemi sanitari regionali.

Al fine di contenere l’epidemia tra le persone più vulnerabili, proponiamo una breve agenda operativa di 7 punti basata sia sull’esperienza medico-umanitaria di Medici per i Diritti Umani (MEDU) sia sull’esempio di iniziative prese da altri paesi.