Covid 19 – misure straordinarie per le imprese troiane: 50 mila euro per le attività colpite dal lockdown

64

Pubblicato il bando delle misure straordinarie per le imprese del comune di Troia.  Il contributo dal bilancio comunale. Il sindaco, Leonardo Cavalieri “E’ un segnale di attenzione nei confronti di chi è costretto ad affrontare gravi perdite e una difficilissima ripresa”.

Per le imprese di Troia, costrette dall’emergenza Covid-19 a rallentare l’attività o addirittura alla chiusura, arriva il sostegno straordinario del Comune. E’ stato pubblicato oggi il bando per la presentazione delle domande di accesso al contributo.

Possono partecipare i titolari di attività economiche operanti nei settori del commercio, dell’artigianato, della somministrazione di alimenti e bevande, sottoposte a chiusura dal Governo per l’emergenza Covid-19. “E’ un contributo una tantum di sostegno a chi ha subito una riduzione della produzione, del fatturato e, oggi, deve far fronte ad un mercato che stenta a ripartire sottolinea l’assessore alle attività produttive, Angelo Moffa, che aggiunge “l provvedimento è parte di una serie di misure di intervento destinate a sostenere il tessuto economico della città”.

Il bando è strutturato su due fasce:

·      1000,00 euro per le attività economiche che, nel periodo marzo-aprile, hanno subito una riduzione del volume di affari superiore al 70%; 

·      500,00 euro per le attività che, nei due mesi di lockdown, hanno subito un calo tra il 40% ed il 70%.

Tutte le informazioni ed i dettagli sono contenuti nell’avviso pubblico e nel bando pubblicato all’Albo pretorio e scaricabile online dal sito del Comune di Troia.

Gli interventi disposti dall’amministrazione comunale per il contenimento degli effetti del lockdown non si limitano al contributo economico. Per permettere l’apertura delle attività in sicurezza sanitaria, e non gravare sulla già difficile situazione economica, l’amministrazione comunale ha disposto la sanificazione gratuita, a carico del bilancio comunale, di bar, ristoranti, pizzerie, saloni di estetica e parrucchieri,

Come sottolineato dall’assessore Angelo Moffa, è stato messo a punto un pacchetto di misure creato dopo un confronto con gli operatori economici della città. In particolare, una delibera di giunta, stabilisce la possibilità per bar, ristoranti, attività dehors di ampliare, gratuitamente, lo spazio di occupazione del suolo pubblico e garantire le misure di distanziamento.

Intervento a sostegno anche delle attività edili con la sospensione del canone di occupazione del suolo con i ponteggi per i mesi di marzo e aprile.

“La lunga emergenza sanitaria ha messo in ginocchio l’economia italiana – dice il sindaco, Leonardo Cavalieri – e noi faremo il possibile per sostenere chi vive ed opera nella nostra comunità. Ho fiducia nell’operosità della nostra gente, nella voglia che la nostra città ha di crescere e migliorarsi. Rispettiamo le regole e guardiamo lontano”.