Vico, “Arte e vita”: quadri in vendita per donare tablet agli studenti

37

Da oggi, mercoledì 21 ottobre, e fino a domenica 25 ottobre, nell’aula del Consiglio comunale di Vico del Gargano saranno esposti dei quadri.

Le opere sono state messe a disposizione da pittori che, con il proprio estro e la propria generosità, hanno voluto contribuire all’iniziativa “ARTE E VITA”: i dipinti in esposizione, infatti, potranno essere acquistati e il ricavato della vendita servirà ad acquistare tablet da donare a bambini appartenenti a famiglie in difficoltà economiche.

L’iniziativa è stata organizzata dai sodalizi “Associazione NuovaVico in Arte” e “Associazione FRATRES”. I tablet saranno messi a disposizione delle scuole di Vico del Gargano e gli istituti scolastici li destineranno agli studenti che ne hanno bisogno come supporto digitale alla didattica in presenza e per la didattica a distanza.

“E’ la solidarietà ad animare le azioni dell’Associazione FRATRES”, spiegano i promotori dell’iniziativa. Sono questi i tredici artisti che hanno deciso di donare le proprie opere esposte nell’aula del Consiglio comunale di Vico del Gargano: Andrea Baffoni, Pietra Barrasso, Romeo Battisti, AngelisaBertoloni, Fabrizio Ciccalè, Ornella Cosenza, Pippo Cosenza, Matteo Fiorentino, LughiaCaddeo, Cecilia Piersigilli, Achille Quadrini, EsildeRendina e Carla Sello.

“L’impegno per la raccolta del sangue è prioritario per il nostro sodalizio, ma anche la solidarietà in tutte le sue accezioni. La solidarietà è una forma mentale, un aspetto culturale. Chi possiede l’indole della solidarietà guarda con solidarietà, pensa con solidarietà, agisce con solidarietà. Sarà per questo che la FRATRES di Vico del Gargano risponde sempre positivamente a richieste d’aiuto: in questo periodo particolare, i nostri donatori sono stati presenti e, nonostante tutti i nuovi protocolli di comportamento, hanno permesso raccolte mensili di sangue davvero eccezionali. Sarà per questo che la FRATRES di Vico del Gargano, nell’ambito delle proprie possibilità e capacità, promuove e condivide i gesti semplici che si traducono in aiuti concreti. La presenza del logo della FRATRES nella promozione di eventi è la voglia di superare i confini dell’Associazione stessa. E se la solidarietà è una forma mentis, essa va costruita, rafforzata, salvata e salvaguardata. E lo si fa anche lavorando ad iniziative non strettamente legate alla raccolta sangue, lo si fa anche lavorando ad iniziative che potrebbero aiutare alcuni bambini, come in questo caso”.