Nuovo contratto integrativo per i dipendenti Sanitaservice Asl Fg

175

Fp Cgil: “Trattativa estenuante, risultato storico per tutti i dipendenti, comincia una nuova fase”
Nuovo contratto operativo da oggi: accolte le richieste della piattaforma sindacale unitaria

FOGGIA–Dispiegherà i suoi effetti a partire da oggi, mercoledì 1 dicembre 2021, il Nuovo Contratto Integrativo Aziendale per i dipendenti Sanitaservice ASL Foggia. Dopo una trattativa estenuante, condotta con grande determinazione dai sindacati Cgil-Cisl e Uil sulla base di una piattaforma condivisa dalle tre sigle, finalmente è stato ottenuto il risultato che tutti attendevano.

Si è tenuto sabato mattina, presso la sala riunioni del consultorio dell’Ospedale San Camillo de Lellis di Manfredonia, un incontro con i dipendenti della Sanitaservice ASL FG per fare il punto sul nuovo Contratto Integrativo Aziendale firmato il 25 novembre scorso. Relatori dell’incontro tenuto alla presenza di iscritti e simpatizzanti della CGIL, i dirigenti Massimo Campanaro, Lucia Orlando e Agostino Vasciaveo, ed il rappresentante sindacale su Manfredonia Giuseppe Falcone.

LE NOVITA’ DEL NUOVO CONTRATTO. Il nuovo C.I.A. segna il raggiungimento di un importantissimo traguardo, in quanto è il secondo della Sanitaservice di Foggia, la prima in Puglia ad avere aggiornato il contratto e a poter vantare una contrattazione così avanzata. Tra le principali novità del contratto integrativo vi è l’indennità di presenza portata a 4.50 euro per le turnazioni su tre turni. Inoltre, sono stati introdotti i buoni pasto per chi fa i notturni. “A tal proposito – ha evidenziato Massimo Campanaro – mi preme sottolineare che questa grande novità è stata una vera e propria conquista. I buoni pasto saranno sempre di 5.29 euro, per i diurni e per i notturni”. Riguardo ai buoni pasto, Campanaro ha inoltre spiegato che, dopo il termine del contratto con la precedente azienda e l’aggiudicazione del nuovo bando, a breve la Sanitaservice provvederà a distribuire a tutti i dipendenti la nuova tessera su cui saranno caricati gli importi maturati da gennaio 2021.

Tra le novità introdotte dal C.I.A., i 5 cambi turno con la contraddittoria su cui i coordinatori di servizio dovranno rispondere con un assenso o con un diniego. Le richieste di cambio turno dovranno essere inviate entro il giorno 24 del mese precedente, mentre le ferie entro il 15, sempre del mese precedente.

Infine, l’indennità di cassa per chi gestisce il denaro. “I nostri colleghi del CUP – ha aggiunto inoltre Campanaro – avranno una somma a disposizione per potere avere sempre il resto da dare agli utenti, senza dover provvedere personalmente, come tante volte erano stati costretti a fare”.

Terminata l’illustrazione dei punti salienti del nuovo contratto integrativo, è seguito un interessante dibattito tra i numerosi partecipanti all’incontro, che hanno colto l’occasione per porre dubbi e perplessità inerenti alle rispettive posizioni lavorative. I dirigenti CGIL non si sono sottratti al confronto, dando risposte e prendendo appunti su questioni da sottoporre ai vertici aziendali, con la promessa che nessuno sarà lasciato solo e nella Sanitaservice si diventerà sempre più una famiglia unita e forte, anche grazie al lavoro sindacale diventato negli ultimi anni particolarmente attento e proficuo.