Scienza, fantascienza e pseudoscienza: al via il Festival di Foggia

34

Lunedì 26 febbraio l’inaugurazione a Palazzo Dogana, 46 eventi fino al prossimo 5 marzo
Incontri anche a Lucera e San Severo, partecipano 11 scuole, 15 i partner della rassegna

FOGGIA – È tutto pronto per la giornata inaugurale del Festival della Scienza di Foggia. La seconda edizione comincerà lunedì 26 febbraio. Diversi gli appuntamenti già dal mattino.

All’inaugurazione ufficiale, che si terrà alle ore 16.30 a Palazzo Dogana, interverranno: la sindaca di Foggia, Maria Aida Episcopo; l’assessore regionale al Welfare, Rosa Barone; i consiglieri provinciali delegati dal presidente della Provincia di Foggia, Giuseppe Nobiletti; i direttori dei Dipartimenti dell’Università di Foggia; il dottor Potito Salatto, del Gruppo Salatto, main sponsor del Festival della Scienza. Oltre ad Antonio Milazzi, Angelo Bricocoli e Marco D’Alessandro, organizzatori dell’importante rassegna divulgativa, scientifica e culturale, saranno inoltre presenti i delegati di ciascun partner del Festival.

IL PROGRAMMA DI LUNEDÍ. Gli eventi prenderanno il via alle ore 10 all’Istituto Tecnico “Di Sangro-Minuziano-Alberti di San Severo, con l’incontro in cui Lucrezia Cilenti (CNR) illustrerà agli studenti le soluzioni della ricerca scientifica per affrontare “Il granchio blu: minaccia del Mediterraneo”. Un’ora dopo, stessa location per la relazione di Vittorio Capozzi (CNR) su “Alimenti fermentati e dieta mediterranea”. Alle ore 11.30, in contemporanea, a Foggia si terranno due diversi incontri: al Liceo Scientifico “Volta”, la docente dell’Università di Foggia Annalisa Mastroserio, ricercatrice dell’Istituto Nazionale di Fisica Nucleare, relazionerà su “L’Universo in un punto”; mentre al Liceo Poerio, Augusto Rinaldi e Umberto Berardi, docenti del Politecnico di Bari, terranno una conferenza su “Archeoacustica: tra fisica, storia e architettura”. Alle ore 15, il Liceo Lanza-Perugini ospiterà l’incontro con Antonio Daniele, docente dell’Università di Foggia, su “Dino Buzzati e l’intelligenza artificiale”.

Alle ore 16.30 l’inaugurazione a Palazzo Dogana con le autorità, a seguire Giovanni Pezzi con “Science on Stage: un’opportunità per gli insegnanti STEM” e Maria Grazia Morgese, dell’Università di Foggia, con “Uso e abuso degli integratori alimentari: tra verità e falsi miti”.

DAL 26 FEBBRAIO AL 5 MARZO. Otto giorni di iniziative; 11 scuole coinvolte; 15 partner di grande rilievo fra Enti, Università (l’Ateneo di Foggia e il Politecnico di Bari), Fondazioni, istituti di ricerca e associazioni; oltre 40 interventi di scienziati, docenti, ricercatori; 46 eventi in programma: sono questi, in estrema sintesi, i numeri della seconda edizione del Festival della Scienza di Foggia, che si svolgerà da lunedì 26 febbraio a martedì 5 marzo. Oltre che a Foggia, incontri e conferenze si terranno anche a San Severo e a Lucera.

Il programma di martedì 27 febbraio si svolgerà interamente a Foggia, a cominciare dalle ore 11, quando il Liceo Lanza-Perugini ospiterà la conferenza del professor Umberto Berardi, del Politecnico di Bari, su “Il frigorifero di Einstein”. Alle 11.30, all’Istituto Scolastico Murialdo, sarà di scena Vincenzo Rizzi, del Museo di Storia Naturale, con un incontro incentrato su “Il lupo tra mito e realtà”. Sempre alle ore 11.30, ma al Liceo Scientifico Marconi, il giornalista e scrittore Fabio Deotto incontrerà studenti e docenti nell’ambito di una conferenza intitolata “L’altro mondo, la vita in un pianeta che cambia”. Lo stesso incontro sarà replicato alle ore 17 a Palazzo Dogana. La seconda giornata del Festival della Scienza si concluderà proprio a Palazzo Dogana, al termine dell’incontro che inizierà alle ore 18 e vedrà protagonista Massimo Monteleone, docente dell’Università di Foggia, che relazionerà su “La Scienza spinta al limite: complessità, controversie e conflitti sociali”.