San Paolo di Civitate: imprenditore nasconde al fisco in tre anni circa 400 mila euro impiegando 91 lavoratori in nero!

144

I militari del Comando provinciale di Foggia hanno portato alla luce un’evasione fiscale di una azienda di San Paolo Civitate, operante nel settore del supporto alla produzione agricola che, pur effettuando regolarmente le comunicazioni di assunzione dei lavoratori, ha omesso tutti i connessi adempimenti fiscali.

In particolare, i Finanzieri della Tenenza di Torre Fantine, in seguito ad un approfondimento investigativo sui flussi contabili e finanziari, hanno accertato che l’azienda, pur avendo regolarmente comunicato l’assunzione di 91 braccianti agricoli, impiegati nel settore della lavorazione conto terzi per semina, raccolta e lavorazione di prodotti agricoli, non ha ottemperato agli obblighi vigenti in materia fiscale e previdenziale.

In sintesi, l’azienda verificata ha omesso, nel triennio 2016 – 2018, di versare le ritenute IRPEF, operate sulle buste paga dei braccianti, nonché i contributi previdenziali e assistenziali obbligatori per i lavoratori impiegati.

L’operazione di servizio testimonia il costante impegno della Guardia di Finanza, quale polizia giudiziaria con competenze specialistiche in campo tributario, volto preminentemente al contrasto dell’evasione e delle frodi fiscali che danneggiano le risorse economiche del Paese e alterano le regole concorrenziali del mercato, accrescendo il carico fiscale per gli imprenditori e i cittadini onesti. Contrastare l’evasione fiscale vuol dire anche garantire un fisco più equo e proporzionale all’effettiva capacità di ognuno.