Margherita di Savoia: sorpreso a rubare un’auto, arrestato dopo un lungo inseguimento tra i bagnanti.

50

I Carabinieri di Margherita di Savoia, coordinati dal nuovo Comandante di Stazione Maresciallo Capo Gianluca Taino, hanno arrestato per tentato furto aggravato un 29enne di Orta Nova già noto alle forze dell’ordine.

Alcuni giorni fa, in tarda mattinata, un cittadino anonimo ha segnalato ai Carabinieri di Margherita di Savoia che un uomo stava rubando una Jeep Renegade in via Garibaldi. Giunti immediatamente sul posto, i militari hanno sorpreso il soggetto segnalato, che era già riuscito a mettere in moto il veicolo, che si trovava parcheggiato sulla pubblica via. Quando si sono avvicinati per controllarlo, il 29enne, al volante dell’auto rubata, si è dato alla fuga a folle velocità per le strade cittadine, mettendo in serio pericolo l’incolumità dei militari che lo inseguivano e degli altri utenti della strada. Dopo aver percorso alcuni chilometri, il fuggitivo, ostacolato dal traffico, ha abbandonato l’auto e ha proseguito la fuga a piedi, percorrendo la battigia in direzione Barletta. Rincorso e raggiunto sulla spiaggia da uno dei Carabinieri intervenuti, con cui ha ingaggiato una colluttazione, è riuscito a guadagnare di nuovo la fuga, per poi essere intercettato e definitivamente bloccato, con l’intervento di altri militari, all’interno di uno stabilimento balneare, tra gli applausi della gente. Durante la corsa, nel tentativo di non essere riconosciuto e di confondersi tra i bagnanti, il 29enne si era disfatto della maglia e degli arnesi utilizzati per commettere il furto, in particolare di una apparecchiatura utilizzata per eludere i codici di accesso e avviamento delle autovetture. Il veicolo asportato è stato recuperato e restituito al legittimo proprietario, una turista in vacanza a Margherita di Savoia. L’uomo è stato accompagnato in caserma e dichiarato in arresto per tentato furto aggravato e, su disposizione della Procura della Repubblica di Foggia, è stato sottoposto agli arresti domiciliari. Sabato mattina, dopo la convalida dell’arresto, il Gip del Tribunale di Foggia ha applicato nei confronti del 29enne la misura cautelare degli arresti domiciliari.

I Carabinieri sottolineano come sia stato prezioso il contributo dei cittadini Margheritani, che con le loro tempestive segnalazioni alle forze dell’ordine possono fare la differenza, partecipando concretamente alla sicurezza della città salinara, dove i militari dell’Arma, già da alcune settimane, hanno intensificato i servizi  di controllo del territorio volti a garantire ai residenti e ai turisti una estate serena e sicura.